Campagna di monitoraggio dell'inquinamento

Il 16 ottobre 2018, anche presso il Liceo Da Vinci, come in altre 220 scuole dell'Area di Bologna, grazie all'interessamento dei genitori degli studenti, sono stati installati due campionatori passivi che per 4 settimane accumuleranno il biossido di azoto presente nell'aria che respiriamo.

Il biossido di azoto, un gas tossico responsabile di molte patologie respiratorie, si forma durante i processi di combustione ed è legato a doppio filo con il traffico veicolare, in particolare dei motori diesel.

Al termine delle 4 settimane il campionatore verrà chiuso e sarà spedito per le analisi, insieme a tutti gli altri, nel laboratorio inglese dove è stato acquistato.

La nostra scuola parteciperà attivamente, con questo progetto di scienza dal basso, alla costruzione di una mappa dell'inquinamento dell'Area di Bologna, con misure scientificamente validate, che ci permetteranno di conoscere lo stato di salute delle scuole della nostra città. Qualsiasi malattia infatti va diagnosticata prima di procedere alla cura e, aderendo al progetto AriaPesa Scuole, "misureremo la febbre" da biossido di azoto della nostra scuola.

Nel nostro Liceo la classe 4B dell’a.s. 2017-18 era già stata protagonista di un progetto di Alternanza Scuola Lavoro sul monitoraggio della qualità dell’aria (vedi qui), partecipando alla scorsa campagna di Aria Pesa e installando due centraline di rilevamento delle polveri sottili PM2,5 e PM10, i cui valori sono visualizzabili in tempo reale sul sito Luftaden (http://bologna.maps.luftdaten.info/#11/44.4939/11.3428) o anche sul display all’entrata della sede di via Cavour dell'Istituto.

Peraltro chi lo desiderasse può installare una propria centralina con la supervisione della prof.ssa Di Vito e dei suoi studenti, scrivendo una mail a centraline@liceovinci.gov.it (clicca qui per ulteriori informazioni).

 

Per approfondimenti www.ariapesa.org

Pagina FB: https://www.facebook.com/AriaPesa/

 

18/10/2018 Corriere di Bologna, articolo di Daniela Corneo: “Smog, sforamenti già superati. Duecento scuole misurano l’«aria pesa». La campagna di misurazione dal basso è in corso e durerà quattro settimane”. Leggi qui

 

 

 


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.